La pagoda di Parigi

Per alcuni la cosa più sorprendente visitata a Parigi è…una pagoda!

La leggenda narra che fosse un’ ex ambasciata cinese, un’altra leggenda che fosse la casa di un letterato ma in realtà la storia inizia in una povera Cina alla fine del XIX secolo, dove un bambino  rimase orfano all’età di dieci anni. All’età di 22 anni, con poca educazione  e parlando solo il suo dialetto Wu, il “bambino” si ritroverà a Parigi. La sua vita finirà poi in Svizzera accompagnata dalla reputazione di “il più importante commerciante d’arte asiatico di sempre” secondo la storica dell’arte cinese Geraldine Lenain.
Lui era Ching Tsai Loo, un personaggio controverso, e quella di Parigi è la sua Pagoda!

Interno

Ci troviamo al numero 48 di rue de Courcelles nell’ 8°arrondissement, lì, nel 1925, Chiang Stai Loo acquistò un edificio in stile francese del XIX secolo, per poi trasformarlo in pagoda tre anni dopo con l’aiuto dell’architetto Fernard Bloch.

Fu la sua galleria e la sua casa per decenni, caduta in rovina dopo la morte di Loo, è stata rinnovata, circa dieci anni fa, come sede per arte e di eventi. Attualmente l’edificio ospita anche un museo dedicato all’arte e alla cultura orientale, e la biblioteca privata del signor Loo (oltre 5000 volumi di arte asiatica e preziosi cataloghi di oggetti di antiquariato).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...