Le frasi nascoste!

Nascoste tra le scene di vita quotidiana nelle sepolture private dei nobili dell’Antico Egitto a volte possiamo trovare delle brevi frasi, delle esclamazioni, delle espressioni che ci trasportano sulle sponde nel Nilo, in un mercato affollato, in un campo…migliaia di anni fa

“Rema! Rema forte compagno. Sbrigati!” dice il rematore al compagno.
“Ehi, caro! Mangiati il pane!” implora il bovaro mentre offre pane al vitello, o “Ecco l’erba buona!” sussurra il ragazzo che spinge il fieno verso il bestiame.

A volte queste espressioni si sviluppano in dialoghi:
“Macina bene”
“Macino per quanto ho forza”.
E in una scena di mercato:
“Ecco della pomata dolce!”
“E’ come piace a me?”
A volte le esclamazioni si fanno più “forti”:
” Sei tu che devi insegnarmi razza di ladro ? Queste cose le so meglio di te” o adulatorie:
“È più piacevole piena che quando è vuota” dicono i portatori in riferimento alla portantina con il padrone!

E così per il potere performativo che gli Egizi davano alle immagini e alle parole (tutto ciò che viene scritto o raffigurato prende vita)…quelle frasi “riecheggiano” in quelle sepolture da secoli!c__data_users_defapps_windows-phone_appdata_internetexplorer_temp_saved-images_egit

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...